Immacolata Concezione

 

Sui ruderi medioevali, a pochi passi dal vecchio Seminario e nei pressi della Cattedrale e dell’episcopio sorge la chiesa della S.S. Immacolata Concezione.

Dal XVI secolo e fino a qualche ventennio addietro la chiesa è stata la sede della Confraternita dell’Immacolata Concezione, già SS. Concezione di Piano, che ebbe la fortuna di annoverare tra i suoi confratelli San Umile da Bisignano.

Secondo Giulio Bria, l’umanista insigne che tradusse tutte le opere di Virgilio, sarebbe stata eretta in sostituzione di quella esistente, fondata dai nobili per soccorrere i poveri e le fanciulle da marito.

La Chiesa, a due navate, con due occhi sul fronte, quasi rifatta in questo ultimo secolo, nella sua semplicità è degna di rilievo.

L’altare maggiore appartiene a maestranze bisignanesi, come l’inferriata della cappella. Due le campane, site in una finestra bifora; la piccola è del 1867 ed è opera dei fratelli Valentini di Cosenza, l’altra, la più grande è del 1786.

Al suo interno si conserva la statua dell’Immacolata Concezione e nella cappella della navata minore si trova la statua di S.Antonio di Padova col Bambino, opera lignea settecentesca, ridipinta e proveniente dal convento dei Cappuccini.

Nella Sagrestia si conserva uno stipo settecentesco e un quadro dello stesso periodo, pregevole lavoro della scuola napoletanana  rappresentante  il Transito di S. Giuseppe, ed una statua lignea dello stesso S.Giuseppe, opera di artisti di Scigliano.



  Murano Cristian

 

 

 

 

 

  

 

A Maria

Vergine Immacolata,

la tua intatta

bellezza spirituale

è per noi sorgente viva

di fiducia e di speranza.

Averti per Madre,

Vergine Santa,

ci rassicura nel cammino

della vita

quale pegno di eterna

salvezza.

Per questo a Te, o Maria, fiduciosi ricorriamo.

Aiutaci a costruire un mondo dove la vita

dell’uomo sia sempre amata e difesa,

ogni forma di violenza bandita,

la pace da tutti tenacemente ricercata.

                                (Giovanni Paolo II)